Data:
Categoria:
Ubicazione:
Numero:
01/11/2018
Sindaco
Piazza Liberta, 12
4826
 
Sindaco Dr. Giorgio Gentilin
Ricevimento: su appuntamento  0444 476515 - www.facebook.com/comunediarzignano

L'Oasi salvata da speculatori compie 10 anni
Una mostra per i dieci anni dell’Oasi Baden Powell. Il sindaco: “La stiamo salvando dagli speculatori”


newsletter

Facebook
Twitter
Rivista inArzignano

calendario
Iscriviti alla newsletter Seguici su
Facebook
Seguici su
Twitter
Scarica la
rivista
Calendario 
eventi


L’Oasi Baden Powell di Arzignano compie dieci anni. Nata nel 2008 per valorizzare e tutelare un’area di Arzignano di grande importanza dal punto di vista naturalistico, comprende il Bosco di Costalta, l’area tra Monte di Pena e Calpeda, Le Rotte del Guà, i Fossi di Tezze, Villa Salviati e i Boioni di Restena.

Per il decimo anniversario dalla sua creazione l’Amministrazione comunale di Arzignano, assieme alla Pro Loco, l’Associazione Sant’Agata, il Gruppo Giovani di Restena e l’Associazione Noi Arzignano, ha organizzato una mostra itinerante che è stata inaugurata proprio in questi giorni in concomitanza con la Festa di Ognissanti (a fianco del Duomo). L’obiettivo dell’Amministrazione è portarla in diversi luoghi pubblici della città e anche fuori dal territorio comunale, per permettere a tutti di conoscere il paradiso naturalistico conservato nel territorio di Arzignano, ancora poco noto ai più. Composta da diversi pannelli, si sviluppa in un percorso fotografico e didascalico che illustra le diverse aree di interesse dell’Oasi.

Dopo dieci anni dalla sua nascita –dichiara il sindaco Giorgio Gentilin- è arrivato il momento di rivalorizzarla, rilanciarla e metterla a disposizione non solo di tutti i cittadini di Arzignano ma anche come attrazione turistico ambientale rivolta a tante altre persone. Il perché di questo rilancio è anche motivato da un’azione dei mesi scorsi da parte di qualcuno che, attraverso politici locali più o meno noti, ha proposto di ricavare in questa zona una cava di basalto. Ovviamente non ho acconsentito e non acconsentiremo mai a questo utilizzo perché è l’Oasi Baden Powell è un patrimonio importante che si rivalorizzerà ancora di più con i ristori ambientali derivanti dalla rimodulazione della Rotta del Guà nella zona di Tezze. Ricordo –conclude Gentilin- che dobbiamo difendere la qualità dell’acqua, dell’aria ma anche del terreno affinché il nostro territorio resti un patrimonio da lasciare integro ai nostri figli e ai nostri nipoti”.

L’Oasi Baden Powell, lo ricordiamo, è un’area di grande interesse paesaggistico e ambientale, per la presenza di diversi habitat che danno ospitalità a numerose specie di animali e di vegetali. Molti uccelli sostano nell’area per viverci alcuni mesi e riprodursi, oppure semplicemente per sostare negli spostamenti stagionali, rettili e anfibi trovano gli ultimi spazi disponibili, piccoli stagni e corsi d’acqua, a fronte della città che avanza e divora passo dopo passo le campagne e ne altera inesorabilmente la fisionomia, piccoli mammiferi sopravvivono nascondendosi nei boschi e tra le siepi che delimitano i campi. L’Oasi si estende su una superficie di 338 ettari in Comune di Arzignano ed è una risorsa preziosa per la cittadinanza, quale polmone verde e luogo di ristoro, educazione e ricreazione a disposizione pochi passi fuori casa. L’area comprende - il Bosco di Costalta, - l’area tra Monte di Pena e Calpeda, - Le Rotte del Guà, - i Fossi di Tezze, - Villa Salviati, - i Boioni di Restena. Si tratta di un’area per la maggior parte di proprietà privata, cui la denominazione ad “Oasi Baden Powell” non aggiunge vincoli ulteriori rispetto a quanto già previsto dal Piano di Assetto del Territorio comunale e dalla pianificazione territoriale della Provincia. Si legge infatti nella delibera di Giunta [n.102 del 23/04/2008]: “…il termine “Oasi” indica la volontà di tutelare le aree e di preservarne l’integrità dal punto di vista naturalistico, migliorandone la fruibilità per una migliore qualità della vita, senza gravare il territorio di ulteriori vincoli rispetto a quanto previsto dagli strumenti di pianificazione urbanistica e territoriale…” Una risorsa in somma da valorizzare, da conoscere e da godere in tutta la sua bellezza.


 
Condividi su 
3797 amici iscritti alla newsletter
Arzignano Dialoga v.5.0 - Supervisione Enrico Marcigaglia    
©2009-2019 Comune di Arzignano - C.F. e P.IVA: 00244950242 - NITT nucleo di innovazione tecnologica per la trasparenza    
Per suggerimenti e commenti sul progetto contattare questo indirizzo: info@arzignanodialoga.it
privacy policy - cookie policy